evoluzione tecnologica e i padri della radio

I padri della radio e la storia della evoluzione tecnologica attraverso l’ ottocento e il novecento .

 

1799.   È l'anno in cui Alessandro Volta perfeziona la sua più rivoluzionaria invenzione, l'apparato elettromotore a colonna o pila. All'origine della radio c'è proprio questo generatore elettrico realizzato dal grande fisico italiano.

1820 .   Il danese Hans Christian OErsted scopre l'elettromagnetismo osservando la deviazione di un ago magnetico posto vicino ad un filo percorso da corrente. La deviazione dell'ago era dovuta all'intensità della corrente, non alla sostanza del conduttore. La scoperta di OErsted diede l'avvio agli studi sull'elettromagnetismo.

1831.  Dopo importanti studi nel campo della chimica, lo scienziato inglese Michael Faraday passò a quelli sull'elettricità e il magnetismo. Sua fu la scoperta del fenomeno dell'induzione elettromagnetica. Dal suo nome deriva quello dell'unità di capacità elettrica, il Farad.

1844.  Era la pittura l'attività alla quale Samuel Morse si era dedicato con successo dopo la laurea. Ma la sua celebrità mondiale è legata agli studi scientifici e all'invenzione del telegrafo elettrico e al codice per trasmettere i messaggi. Un codice che prese il nome dallo stesso inventore (l'alfabeto Morse).

1849.   A lungo contrastata, l'invenzione del telefono fu infine riconosciuta all'italiano Antonio Meucci, che ne aveva ottenuto il brevetto nel 1870, e non all'americano Bell, che il brevetto aveva sfruttato commercialmente.


 

 

1864. Il fisico scozzese James Clerk Maxwell dimostra matematicamente che i fenomeni elettromagnetici e luminosi si propagano nello spazio tramite onde, arrivando a scrivere le celebri equazioni che da lui hanno preso il nome.                                                             

1867-1873. James Clark Maxwell formula la teoria elettromagnetica della luce e afferma che oscillazioni elettromagnetiche possono essere trasmesse attraverso l'etere.

1887. Il tedesco Heinrich Rudolph Hertz ottiene la conferma sperimentale delle conclusioni della teoria di Maxwell, provando l'effettiva esistenza delle onde elettromagnetiche (o hertziane) e costruendo un apparecchio in grado di generarle.

1886-1888.   Heinrich Herz riesce a realizzare onde elettromagnetiche in laboratorio servendosi di strumenti da lui stesso inventati: l'oscillatore ed il risonatore; stabilisce anche la velocità delle onde elettromagnetiche ( 300.000 Km al secondo).

1892-1895.  Desiré-Édouard-Eugéne Branly studia le proprietà delle polveri metalliche; Ohiver Joseph Lodge, approfondendo gli studi dei suoi predecessori, perfeziona il tubo a polveri metalliche che chiama coherer (rivelatore); Augusto Righi esplora il campo dell'ottica delle oscillazioni elettriche; Aleksandr Stepanovic Popov si serve di un'antenna per captare scariche elettriche atmosferiche.

1894 .  Guglielmo Marconi , ventenne, trasm ette segnali telegrafici grazie alle onde elettromagnetiche nella sua casa di Pontecchio, in provincia di Bologna.

1895.  Guglielmo Marconi compie un esperimento di trasmissione a distanza di un segnale ( 1500 m .): esperimento riuscito.

1895.  Alexander Popov costruisce la prima antenna per la ricezione di segnali elettrici.
Marconi trasmette per la prima volta segnali telegrafici Morse attraverso l'aria e quindi senza bisogno di fili.

1897.   A Londra, Marconi ottiene il primo brevetto di telegrafia senza fili; continua gli esperimenti.

1899.   Primo collegamento radio tra Francia ed Inghilterra attraverso la Manica. Esperimenti negli Stati Uniti.

1901.  Marconi trasmette il primo segnale attraverso l'Atlantico: tra Poldhu (in Cornovaglia) e Terranova. Il segnale trasmesso è la lettera S.

1902.   Continuano gli esperimenti negli Stati Uniti; vengono trasmessi veri e propri messaggi. Si è fuori, ormai, dalla fase strettamente sperimentale.

1904.   Invenzione del diodo (valvola a due elettrodi) ad opera di John Ambrose Fleming. Il diodo, o valvola di Fleming, contribuì in modo decisivo allo sviluppo della tecnica in campo radio-elettrico.

1906.  Lee De Forest inventa il triodo che, permettendo di amplificare i segnali, rende possibile la trasmissione della voce umana.
Il canadese Reginald Aubrey Fessenden trasmette il primo programma radiotelefonico, con parole e musica, dal suo laboratorio nel Massachussets.

1906-1909.   Invenzione del triodo per amplificazione ad opera di Lee De Forest.. Reginald Aubrey Fessenden realizza la prima trasmissione senza fili facendo ascoltare la voce umana e della musica. L'esperimento, realizzato la vigilia di Natale del 1906, fu ripetuto a Capodanno del 1907. Del 1909 è il primo esperimento di radiodiffusione circolare dovuto a De Forest.

1912 .  Il Titanic lancia via radio il messaggio di SOS.

1918.     Edwin Howard Armstrong, la Siemens e Co., L. Levy realizzano, ciascuno indipendentemente, il sistema di ricezione supereterodina.


 

 

1919.   Marconi acquista una nave e la trasforma in laboratorio galleggiante. Il nome della nave è “Elettra”. Da qualche anno (dal 1916) lo scienziato sta conducendo studi sulla utilizzazione delle onde corte.

1920.  Il 2 novembre nasce a Pittsurgh la prima stazione radio: si chiama KDKA e il primo programma è il resoconto delle elezioni presidenziali americane.

1921.   In Gran Bretagna nasce la BBC, che un anno dopo inizierà le trasmissioni.
Dalla Torre Eiffel si iniziano ad irradiare regolarmente i primi programmi.

1924.    Dall'accordo tra le maggiori industrie operanti nel settore delle comunicazioni e l'allora Ministro delle Comunicazioni Costanzo Ciano il 27 agosto nasce l'URI, Unione Radiofonica Italiana, presieduta da Enrico Marchesi, dirigente della Fiat. Nel '27 l'URI prenderà il nome di EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche) e il 26 ottobre del '44, in seguito alla caduta del fascismo, quello di RAI (Radio Audizioni Italiane).
Il 6 ottobre la voce di Maria Luisa Boncompagni apre il primo programma irradiato in Italia.

1922-1925.  Prima scoperta del radar e prime prove di televisione in Inghilterra ed in America. In Italia i primi esperimenti di televisione si hanno a Torino nel 1929 (Laboratorio di ricerche).

1930 .  Un moderno apparecchio radio a valvole costa più di un'automobile.

1931.   Il 12 febbraio viene fondata Radio Vaticana.

1939.   Edwin Armstrong introduce nelle radiotrasmissioni la modulazione di frequenza.

1947 .  William Shockley inventa il transistor.

1948:   John Bardeen, Walter Houser Brattain e W. Shockley utilizzano per la prima volta il transistor. È il tramonto degli apparecchi a valvole.

1954 .  La società americana Regency produce la prima radio a transistor, seguita l'anno successivo dalla giapponese Sony

1961.   Negli USA vengono irradiati i primi programmi in stereofonia grazie alla collaborazione delle società Zenith e General Electric.

_________________________________

Guglielmo Marconi

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

16.09 | 15:19

Grazie per aver "supportato" il mio libro "Poveri, ricchi e benestanti". Buona giornata.

...
16.09 | 15:03

Ciao, posso chiederti la cortesia di "supportare" questo libro? rhttp://ilmiolibro.kataweb.it/libro/economia-e-diritto/334766/poveri-ricchi-e-benestanti/. Per farlo clicca sul titolo, dopo che la pagina si è aperta clicca ancora sul piccolo riquadro con l

...
14.11 | 13:46

Il sito si presenta molto bene.

...
10.02 | 15:41

Comlimenti belle foto e complimenti

...
A te piace questa pagina